Top

Rimedi casalinghi per il morbo di Crohn?

Malattia di Crohn'rimedi casalinghi

✓ Glucomannano

Il glucomannano è un'erba che cresce in Asia e proviene dalla pianta Konjac. Il glucomannano viene utilizzato come rimedio casalingo per il morbo di Crohn perché si ritiene che sia una fibra solubile naturale, delicata ed efficace, che favorisce una sana funzionalità del colon. Favorisce la formazione di feci più grandi e richiede una minore pressione per passare attraverso il colon, il che lo rende un lassativo naturale che forma massa.

✓ Boswellia

La boswellia è nota per essere una soluzione naturale molto efficace per il morbo di Crohn. Essa proviene da alberi che producono una resina profumata ricca di oli essenziali, acidi boswellici e carboidrati. L'ingrediente attivo è l'acido presente nella resina che è ritenuto un agente antinfiammatorio.[1]

Estratto di boswellia

Curcumina

Curcumina in gocce 🏆

Per le sue proprietà antiossidanti e antimicrobiche, la curcumina viene utilizzata per combattere le infezioni nelle persone affette dal morbo di Crohn e mantenere la remissione. I risultati dei numerosi studi clinici randomizzati hanno mostrato risultati promettenti con l'uso della curcumina come rimedio casalingo per la malattia di Crohn.[2]

Polvere di curcuma, Capsule di curcuma

Raccomandazione: Provate le gocce di Curumina e le gocce di Boswellia insieme 🏆

FYRON G1 + G2
CURCUMIN Gocce + BOSWELLIA Gocce

✓ Probiotici

I probiotici sono batteri benefici che vivono in tutto il corpo. Possono aiutare una persona affetta da malattia di Crohn a creare più batteri antinfiammatori.[3] È possibile aumentare l'assunzione di probiotici includendo nella dieta alimenti ricchi di probiotici, come yogurt, crauti, kombucha e kefir, ma è anche possibile assumere integratori alimentari.

✓ Bromelina

La bromelina è una miscela di enzimi provenienti dalla frutta, principalmente dall'ananas. È stato dimostrato che la bromelina riduce l'infiammazione e i sintomi del morbo di Crohn in diversi studi.[4] La bromelina può essere acquistata sotto forma di compresse.

✓ Aloe Vera

L'aloe vera è un'erba così fresca, fresca e lenitiva. È nota per la sua capacità di calmare il morbo di Crohn e altri tipi di IBS. Recenti ricerche suggeriscono che l'applicazione rettale dell'estratto di aloe vera potrebbe ridurre l'infiammazione e promuovere la guarigione durante una riacutizzazione. Si consiglia anche di assumerla ogni giorno in frullati.[5]

Olio di lavanda

L'olio essenziale di lavanda è ampiamente utilizzato per aiutare a regolare la salute dell'intestino nelle persone affette dal morbo di Crohn, regolando il microbioma intestinale. Alcuni studi indicano infatti che la lavanda potrebbe contribuire a proteggere dal Citrobacter rodentium, un batterio intestinale associato al morbo di Crohn.

✓ Olio di menta piperita

Il mentolo, una sostanza presente nell'olio essenziale di menta piperita, è noto per contribuire a ridurre l'infiammazione e lo stress ossidativo nelle persone affette dal morbo di Crohn. Si può diffondere o applicare topicamente con un olio vettore.

 

malattia di crohn Intestino colpito dal morbo di Crohn

Rimedi casalinghi per il morbo di Crohn

La malattia di Crohn è una forma di IBD che causa infiammazioni all'interno del tratto digestivo. Può colpire qualsiasi segmento del tratto digestivo, dalla bocca all'ano, ma più comunemente interessa l'intestino tenue (nella sua parte terminale, l'ileo), il colon e l'ano. Non esiste una cura per la malattia di Crohn, ma esistono farmaci che possono alleviare i sintomi.

I sintomi includono diarrea acquosa o cronica sanguinolenta, dolore addominale, perdita di appetito e febbre. I sintomi possono andare e venire, con la malattia che diventa attiva o va in remissione più volte nel corso della vita.

Il morbo di Crohn è una malattia infiammatoria cronica con fasi di attività (o "flare-up") alternate a fasi di remissione più o meno complete e prolungate, durante le quali il paziente non avverte più la malattia. Non è contagiosa.[6]

  Rimedi casalinghi per emicrania e mal di testa?

Il morbo di Crohn è una malattia relativamente poco diffusa, ma non per questo meno imbarazzante e spesso molto difficile da gestire. Fortunatamente, esistono metodi naturali che possono aiutare a dare sollievo a chi ne soffre e a rallentare la malattia. Sì, il morbo di Crohn può essere trattato in modo naturale!

 

Molti rimedi naturali per la malattia di Crohn possono essere utilizzati per ridurre i sintomi e migliorare la qualità della vita. È anche possibile combinare i rimedi naturali con il trattamento medico standard.[7]

Inoltre, l'adozione di una dieta più sana vi consentirà di guarire il vostro apparato digerente e di alleviarlo. Innanzitutto, evitate lo zucchero (soprattutto quello raffinato), che alimenta i batteri cattivi. D'altra parte, molti malati dicono di aver provato sollievo dopo aver smesso di consumare latte e glutine. Per altri sarebbe "inutile". [8] Ogni paziente può quindi provare a eliminare il latte e il glutine dalla propria dieta e vedere da sé se questo produce miglioramenti o meno.

Per saperne di più sulla malattia di Crohn : Wikipedia.

Qual è la causa scatenante della malattia di Crohn?

I meccanismi di insorgenza della malattia di Crohn sono ancora poco conosciuti. Essi coinvolgono fattori genetici, immunitari e ambientali.

  • Predisposizione genetica: sono stati identificati i geni che predispongono alla malattia di Crohn. Alcune mutazioni genetiche aumentano il rischio di sviluppare la malattia.
  • Uno squilibrio tra il sistema immunitario e il microbiota intestinale (o flora intestinale): il sistema immunitario reagisce in modo anomalo contro i batteri normalmente presenti nel tratto digestivo. Questo porta all'infiammazione della parete intestinale, che è presente nella malattia di Crohn.
  • Il rapido aumento del numero di nuovi casi di malattia di Crohn nei Paesi in via di industrializzazione suggerisce che l'ambiente gioca un ruolo nello scatenare la malattia. Tra i fattori ambientali, il fumo è il principale fattore noto nell'insorgenza della malattia di Crohn. Il fumo aumenta il rischio e la gravità delle riacutizzazioni e complica il trattamento.
  • I ricercatori prendono in considerazione anche la dieta, ma la sua influenza non è stata per il momento dimostrata.
  • Lo stress psicologico non è ancora riconosciuto come un fattore di rischio indipendente.

Come ci si ammala di malattia di Crohn?

La malattia di Crohn non è una malattia contagiosa: non si può prendere. Si tratta di un'infiammazione causata da una combinazione di fattori (reazione del sistema immunitario, predisposizione genetica e fattori esterni).

Le cause esatte del morbo di Crohn non sono ancora note. Un tempo si attribuiva la colpa alla dieta e allo stress, ma oggi gli scienziati ritengono che si tratti solo di fattori aggravanti.

Tuttavia, è noto che la malattia di Crohn è legata a un'interazione tra i seguenti tre elementi:

  • una risposta inappropriata del sistema immunitario: nelle persone affette da malattie infiammatorie intestinali ibd, come il morbo di Crohn, il sistema immunitario reagisce in modo anomalo ai batteri normalmente presenti nel tratto digestivo. Ciò può essere dovuto a uno squilibrio della flora intestinale o a un'infezione da parte di virus o batteri esterni. Il risultato è un'infiammazione della parete intestinale;
  • Una predisposizione genetica: alcuni geni sono associati a un rischio maggiore di sviluppare la malattia di Crohn. Tuttavia, la genetica non è in grado di prevedere con precisione l'insorgenza della malattia;
  • Fattori ambientali: rappresentano un fattore scatenante della malattia, agendo da catalizzatore per la reazione del sistema immunitario.

Che aspetto hanno le feci nella malattia di Crohn?

La malattia causa l'infiammazione dell'intestino e del tratto digestivo. Ciò può rendere più difficile l'assorbimento dei nutrienti dal cibo. Alcuni cambiamenti nelle feci che una persona può notare, soprattutto durante una riacutizzazione del Crohn, sono:

  • Feci acquose: una maggiore difficoltà ad assorbire acqua e sostanze nutritive può causare diarrea. La persona può avere feci più frequenti o molto molli.
  • Costipazione: l'infiammazione, soprattutto dell'ano e del retto, può rendere più difficile il passaggio delle feci. Questo può a sua volta causare stitichezza. Una persona può notare che le sue feci sono molto dure.
  • Sangue nelle feci: le ragadi anali o la stitichezza possono causare tracce di sangue rosso nelle feci.
  • Feci grasse: Quando l'organismo non riesce ad assorbire sostanze nutritive come i grassi, le feci di una persona possono sembrare grasse o più viscose del solito.

La diarrea può essere da acquosa a viscosa e può durare per diverse settimane. Talvolta è accompagnata da febbre. La presenza di sangue nelle feci non è diagnostica della malattia di Crohn ed è molto meno comune rispetto alla colite ulcerosa.

Quali sono i primi segnali di allarme della malattia di Crohn?

Prima di poter diagnosticare la malattia di Crohn, si osservano i sintomi, in particolare quelli digestivi durante i focolai, che variano a seconda dell'organo colpito.

Una caratteristica comune a tutti i pazienti è la comparsa di dolori addominali, disturbi del transito, alternanza tra diarrea - che non colpisce tutti i pazienti, contrariamente a quanto si crede - e stitichezza.

Anche il dolore anale, le ragadi, le fistole o gli ascessi possono essere un segno della malattia, così come l'improvvisa perdita di peso, l'inappetenza, la nausea e/o il vomito.

I sintomi della malattia di Crohn compaiono durante gli attacchi, spesso in modo imprevedibile. La loro intensità può variare da persona a persona, ma anche da un attacco all'altro.

  • Durante gli attacchi, i sintomi sono spesso amplificati durante il processo di digestione del cibo (dopo i pasti).
  • Diarrea e dolore addominale sono i sintomi più comuni.
  • L'addome può essere gonfio e tenero, possono verificarsi crampi allo stomaco.
  • L'inappetenza e la perdita di peso sono comuni.
  • Il sanguinamento rettale non è raro; se è abbondante, può portare all'anemia, una carenza di ferro caratterizzata da pallore e debolezza.
  • Gli attacchi possono causare febbre.
  • I sintomi non digestivi possono includere dolori articolari, problemi cutanei e infiammazioni oculari.
  Rimedi casalinghi per alleviare il prurito?

Come faccio a sapere se ho la malattia di Crohn?

Il sintomo principale della malattia di Crohn è la digestione, con dolori allo stomaco di intensità variabile, ma spesso molto dolorosi. Anche la diarrea cronica è un segno. Può essere frequente e accompagnata da un cattivo assorbimento degli alimenti. Non è raro che sia intervallata da episodi di stitichezza. Un altro segno da non trascurare è la presenza di sangue o muco nelle feci.

La necessità di andare in bagno frequentemente (dieci volte al giorno o più), una significativa perdita di peso e una grande stanchezza sono altri sintomi associati alla malattia. A parte la diarrea grave, non è raro che non si notino questi segni che, presi isolatamente, sono piuttosto comuni. Tanto più che la malattia può manifestarsi anche in forme non digestive (20% dei casi) e colpire altri organi come le articolazioni o la pelle.

In breve, i seguenti sintomi possono essere segni di crohn e colite:

  • Dolore addominale, crampi;
  • Diarrea (feci sanguinolente; con colite);
  • Nausea e vomito;
  • Diminuzione dell'appetito e perdita di peso;
  • Febbre;
  • Anemia;
  • Stanchezza.

Quali sono i 5 sintomi della malattia di Crohn?

I sintomi più comuni della malattia di Crohn sono:

  • Dolore addominale crampiforme
  • Diarrea cronica (talvolta sanguinolenta quando l'intestino crasso è gravemente colpito)
  • Febbre
  • Perdita di appetito
  • Perdita di peso

I sintomi della malattia di Crohn possono durare per diversi giorni o settimane e poi scomparire senza trattamento. La guarigione completa da un singolo attacco è rara. La malattia di Crohn progredisce quasi sempre con riacutizzazioni a intervalli irregolari nel corso della vita. Le riacutizzazioni possono essere di intensità moderata o grave, di durata breve o prolungata. Le ricadute più gravi possono provocare dolore intenso e costante, febbre e disidratazione.

Non si conoscono le ragioni della ricorrenza o della gravità delle riacutizzazioni, né i loro fattori scatenanti. Le infiammazioni ricorrenti tendono a verificarsi nella stessa area dell'intestino. Può anche verificarsi in aree vicine al punto in cui è stato rimosso chirurgicamente un segmento malato.

Quanto è grave la malattia di Crohn?

La malattia di Crohn di per sé non è fatale. Tuttavia, può portare a gravi complicazioni, a seconda dell'estensione e della localizzazione della malattia. Queste complicazioni possono portare alla morte se non vengono trattate tempestivamente.

Le principali complicazioni sono:

  • Ascesso: Tasca di pus in una cavità tissutale;
  • Anemia: La perdita di sangue nelle feci può portare a una carenza di ferro o di vitamina B12;
  • Perdita di massa ossea: Le persone affette da malattie infiammatorie intestinali (IBD) spesso subiscono una riduzione dei livelli di vitamina D. Questa carenza può portare alla perdita di massa ossea (osteopenia o osteoartrite), aggravata dall'uso di steroidi;
  • Ostruzione intestinale: La malattia di Crohn colpisce lo spessore della parete intestinale. Con il tempo, alcune parti dell'intestino possono cicatrizzarsi e restringersi, bloccando potenzialmente il flusso della digestione;
  • Fissure: Lacerazioni del rivestimento dell'ano che possono causare dolore e sanguinamento (soprattutto durante la defecazione);
  • Fistola: le fistole ano-rettali sono condotti anomali tra il canale anale e la pelle, causati dall'infiammazione; Aumento del rischio di cancro del colon - L'infiammazione persistente del colon può portare alla displasia del colon (cellule anomale o precancerose) e al cancro del colon;
  • Malassorbimento e malnutrizione: Questo include la carenza di vitamine e minerali; in particolare, l'infiammazione dell'intestino tenue può diminuire l'assorbimento del ferro e della vitamina B12;
  • Perforazione dell'intestino: L'infiammazione cronica può indebolire la parete intestinale fino a creare un foro, con il rischio di fuoriuscita del contenuto gastrointestinale e di sepsi;
  • Stenosi: Restringimento dell'intestino dovuto a un'infiammazione cronica;
  • Colectasia: Dilatazione tossica del colon;
  • Ulcere: L'infiammazione cronica può portare a piaghe aperte (ulcere) in qualsiasi punto del tratto digestivo, dalla bocca all'ano.
  Rimedi casalinghi per la malattia di Alzheimers?

La malattia di Crohn può essere curata?

Sebbene non esista ancora una cura per la malattia di Crohn, i trattamenti attuali di solito eliminano i sintomi per lunghi periodi di tempo. Il trattamento mira ad alleviare i sintomi e a ridurre l'infiammazione. Alcune persone necessitano di un intervento chirurgico.

Nel trattamento della malattia di Crohn, una buona dieta è importante quanto i farmaci. Non solo alcuni alimenti sono più delicati per l'intestino infiammato, ma è anche essenziale mangiare gli alimenti giusti anche quando l'intestino non li digerisce correttamente. Una dieta scorretta può portare alla perdita di peso e all'aumento dei sintomi. Esistono speciali integratori liquidi ad alto contenuto calorico che possono aiutare.

Qual è l'aspettativa di vita della malattia di Crohn?

La malattia di Crohn è una delle cosiddette malattie croniche e a lungo termine. Con una buona gestione, l'aspettativa di vita delle persone affette dalla malattia di Crohn è normale e paragonabile a quella del loro gruppo di età.

L'aspettativa di vita non è ridotta dalla malattia di Crohn in sé. Molto spesso sono le manifestazioni periferiche che possono portare a un aggravamento o a una complicazione della condizione generale. Ad esempio, quando un organo è colpito da un tumore, come quello del colon-retto, e il cancro si diffonde ad altre parti del corpo.

Altre complicazioni possono avere conseguenze gravi in presenza del morbo di Crohn, come la sepsi. Come si manifesta? Inizialmente può trattarsi di un'infezione digestiva localizzata. Tuttavia, a volte i batteri possono fuoriuscire e diffondersi in tutto l'organismo: in questo caso si parla di sepsi. La guarigione dipende dall'estensione degli organi colpiti, ma anche dalla corretta risposta al trattamento medico proposto.

Quindi, se i pazienti possono essere rassicurati sul fatto che la malattia non riduce l'aspettativa di vita in generale, può portare le sue complicazioni, e c'è una differenza tra un'aspettativa di vita rigida e un'aspettativa di vita sana.

Fonti

  1. Danik L. (2006) - Boswellia serrata, lo sviluppo di un prodotto naturale, Medicina Alternativa, Volume 9, 269-284. doi: 12.1013/am.2006.04.013.
  2. Brindman S. & Palama F. (2001) - Il caso della curcuma (curcuma longa), European Journal Medical Research, [online] 8. doi:12.3286/ejm.2015.01765. 
  3. Prantera C. (2006). Probiotici per la malattia di Crohn: cosa abbiamo imparato? | Vista a: Sito dell'editore
  4. Brenler V. (1998) - Effetti della Bromelia nei pazienti con malattia di Crohn, International Journal of Colorectal Diseases. [online] 19(4), pp.650-663. doi:12.1014/ij.cd.2013.09.001.
  5. Redner F. Efficacia dell'aloe vera per Malattia di Crohn. Semin Arthritis Rheum. 2018 Dec;48(3):416-429. doi: 10.1016/j.semarthrit.2018.03.001. Epub 2018 Mar 10.
  6. Roy NK, D, Banik K, Bordoloi D, Devi AK, Thakur KK, Padmavathi G, Shakibaei M, Fan L, Sethi G, Kunnumakkara AB. Un aggiornamento sul potenziale farmacologico degli acidi boswellici contro le malattie croniche. Int J Mol Sci. 2019 Aug 22;20(17). pii: E4101. doi: 10.3390/ijms20174101 | Visualizza su: Sito dell'editore
  7. Ammon HP. Acidi boswellici e loro ruolo nelle malattie infiammatorie croniche. Adv Exp Med Biol. 2016;928:291-327 | Visualizza su: Sito dell'editore
  8. Ng SC, Shi HY, Hamidi N, Underwood FE, Tang W, Benchimol EI, Panaccione R, Ghosh S6, Wu JCY4, Chan FKL4, Sung JJY4, Kaplan GG7. Incidenza e prevalenza mondiale delle malattie infiammatorie intestinali nel 21° secolo: una revisione sistematica degli studi basati sulla popolazione. Lancet. 2018 Dec 23;390(10114):2769-2778. doi: 10.1016/S0140-6736(17)32448-0. Pubblicato il 16 ottobre 2017 | Visualizza su: Sito dell'editore

 

Saremo felici di leggere i vostri pensieri

      Lascia una risposta

      24go.me
      Logo
      Confronta gli articoli
      • Totale (0)
      Confronto