Top

Rimedi casalinghi per la diverticolite?

Donna felice che si stiracchia nel letto dopo il risveglio.

✓ Glucomannano

Il glucomannano (fibra di konjac) ricavato dalla radice della pianta di konjac è una delle fonti naturali più ricche di fibra alimentare. È disponibile come integratore alimentare o può essere aggiunto alle bevande o ad alcuni alimenti. Questa pianta ha una lunga storia di utilizzo nelle miscele di erbe e negli alimenti tradizionali. L'integrazione di fibre solubili di glucomannano è utilizzata come rimedio casalingo per la diverticolite per alleviare i sintomi nelle persone affette da diverticolite cronica e per prevenire la diverticolite acuta.[1]

Curcumina

Curcumina in gocce 🏆

La curcuma è una pianta erbacea chiamata anche "zafferano dell'India". La curcuma è nota per il suo uso come spezia e ha le stesse proprietà coloranti dello zafferano. La curcuma è una pianta con diverse virtù grazie alla curcumina che contiene. Antiossidante grazie alla curcumina, la curcuma ci protegge da alcune malattie e dalle patologie intestinali.[2]

Polvere di curcuma, Capsule di curcuma

✓ Boswellia

L'incenso (Boswellia serrata) è un'erba con proprietà antinfiammatorie che può essere molto utile in caso di diverticolite. Infatti, nI composti antinfiammatori naturali possono contrastare alcuni dei processi infiammatori che contribuiscono alla malattia diverticolare.. [2]

Estratto di boswellia

Raccomandazione: Provate le gocce di Curumina e le gocce di Boswellia insieme 🏆

FYRON G1 + G2
CURCUMIN Gocce + BOSWELLIA Gocce

✓ Aloe Vera

L'aloe vera è una pianta succulenta che contiene gel e lattice. È una pianta che può essere di grande aiuto nel trattamento della diverticolite grazie alle sue proprietà benefiche per l'apparato digerente. Grazie alle sue proprietà antinfiammatorie, può aiutare a smuovere la materia fecale, che altrimenti potrebbe rimanere bloccata nelle sacche e causare infezioni o ulteriori infiammazioni.

✓ Psillio

La pula di psillio è un integratore molto utile per la dieta di chi soffre di diverticolite, perché contiene fibre solubili che si legano all'acqua nell'intestino. Le fibre aiutano ad ammorbidire le feci in modo che possano passare facilmente attraverso l'intestino.

✓ Probiotici

Probiotici sono noti per ridurre i sintomi e le recidive della malattia. Questi batteri benefici contribuiscono a equilibrare la flora del tratto digestivo e a mantenere la salute dell'intestino.

✓ Zenzero

Lo zenzero viene utilizzato da secoli come rimedio erboristico per il trattamento di vari disturbi gastrointestinali. Infatti, grazie alle sue proprietà antinfiammatorie, lo zenzero è un rimedio popolare per lenire i disturbi dello stomaco.

✓ Aglio

L'aglio ha capacità antimicrobiche naturali e può essere di grande aiuto per mantenere la salute dell'intestino. Si consiglia di assumere un integratore di allicina pura perché contiene anche quantità elevate di alcuni carboidrati che possono disturbare l'apparato digerente.

 

Rimedi casalinghi per la diverticolite Rimedi casalinghi per la diverticolite

Rimedi casalinghi alla diverticolite

A partire dai 40 anni, nell'intestino crasso possono formarsi dei diverticoli. Si tratta di piccole ernie o escrescenze, come piccole "tasche" delle dimensioni di una biglia, situate in diverse parti dell'intestino crasso. Questa anomalia anatomica è chiamata diverticolosi del colon. Colpisce il colon o l'intestino crasso.

La diverticolite, o diverticolosi del colon, è un'infiammazione dei diverticoli dovuta a un'infezione. Provoca dolori insoliti e forti e febbre. Esistono alcuni approcci complementari che possono essere efficaci nel trattamento naturale della diverticolite, come il glucomannano o la curcuma. [3]

La diverticolosi del colon è un fenomeno comune e nei Paesi occidentali si verifica in circa 50% delle persone di età superiore ai 60 anni. Nella maggior parte dei casi, i diverticoli non causano alcun sintomo. Spesso vengono scoperti durante un esame di routine per altri problemi digestivi. Tuttavia, la diverticolite, in cui si verifica l'infiammazione e l'infezione di un diverticolo, provoca un forte dolore. I sintomi della diverticolite comprendono febbre, nausea, minzione frequente, tensione addominale, ecc.[4]

Può provocare la formazione di ascessi nel diverticolo, emorragie, ostruzione del colon o dell'intestino tenue.

Più raramente, la diverticolite può trasformarsi in una fistola, ovvero un condotto che si forma in modo anomalo tra il colon e vari organi della cavità addominale, come la vescica, l'intestino tenue, l'utero o la vagina.[5]

  Dolore cronico rimedi naturali

La diverticolite può anche portare alla peritonite. Infatti, se la parete del diverticolo che si è trasformata in un ascesso si rompe, il contenuto dell'intestino passa nella cavità addominale. Questo porta a un'infezione del peritoneo, la membrana che contiene l'intestino e l'addome. La peritonite richiede un intervento medico d'urgenza.[6]

Per prevenire la diverticolite, esistono misure di base da adottare. Ad esempio, si raccomanda uno stile di vita attivo e una dieta con una buona quantità di fibre alimentari. Una dieta speciale a base di legumi, cereali integrali, frutta e verdura.[7]

Di seguito sono riportate le raccomandazioni generali per farlo:

  • Aumentare gradualmente l'assunzione di fibre alimentari fino a 30 grammi al giorno;
  • Ridurre il consumo di prodotti a base di cereali raffinati;
  • Bere liquidi a sufficienza;
  • Mangiate meno carne e grassi;
  • Consumare probiotici;
  • Consumare prebiotici, come il glucommanano, lo psillio biondo,...
  • Attività fisica regolare;
  • Andate di corpo non appena ne sentite il bisogno;
  • Masticare bene;
  • Evitare farmaci antinfiammatori e corticosteroidi nelle persone che hanno già avuto la diverticolite.
  • L'assunzione di anti-infiammatori naturali come la curcuma, la boswellia,...

Come si cura la diverticolosi del colon?

Il trattamento della diverticolite del colon dipende dal fatto che sia complicata o meno, dal tipo di complicazione e dal fatto che si tratti di un primo attacco o di una recidiva.

Il trattamento della diverticolite consiste semplicemente nell'alleviare i sintomi senza prescrivere antibiotici. Infatti, nella maggior parte dei casi, la diverticolite senza complicazioni guarisce spontaneamente. Tuttavia, se i sintomi persistono o nelle persone più fragili, è preferibile prescrivere antibiotici per una settimana per evitare possibili complicazioni. Nella maggior parte dei casi, il primo attacco di diverticolite non si ripresenta.

Non è consigliabile effettuare un monitoraggio biologico (esami del sangue) o radiologico sistematico in caso di evoluzione favorevole della diverticolite. In caso di complicazioni, il trattamento della diverticolite del colon varia a seconda del tipo di complicazioni osservate.

In tutti i casi, si raccomanda una terapia antibiotica per via endovenosa, combinando diversi antibiotici. La sua durata varia a seconda del tipo di complicazione e dell'evoluzione della malattia.

Quanto è grave la diverticolosi del colon?

La diverticolite è l'infiammazione con o senza infezione di un diverticolo, che può portare a flemmone della parete intestinale, peritonite, perforazione, fistole o ascessi. Il trattamento si basa sul riposo intestinale, sui rimedi casalinghi, talvolta sugli antibiotici e talvolta sull'intervento chirurgico.

La diverticolite trattata in modo non chirurgico può ripresentarsi come processo acuto o cronico. Un ampio studio basato sulla popolazione ha rilevato che dopo un episodio di diverticolite acuta, il tasso di recidiva a 1 anno era di 10% e a 10 anni di 25%. Circa la metà dei secondi episodi di diverticolite si verifica entro 12 mesi. In alcuni pazienti, tuttavia, la recidiva si manifesta con un dolore addominale cronico e continuo che può svilupparsi dopo uno o più episodi acuti.

Pertanto, potenzialmente grave a causa delle sue complicanze (ascesso, fistola, emorragia, peritonite, restringimento dell'intestino), la diverticolite può recidivare e diventare invalidante. In questo caso, può essere prescritto un trattamento chirurgico per rimuovere l'area del colon che porta i diverticoli.

La diverticolosi del colon è cancerosa?

I diverticoli non sono maligni, sono una malattia benigna. Forse il 10% della popolazione ha diverticoli senza che siano sintomatici. Quindi non causano alcuna conseguenza importante. Non c'è un rischio maggiore di cancro nei pazienti con diverticolosi rispetto alla popolazione generale. Tuttavia, la colonscopia è raccomandata nei pazienti con diverticolite complicata da ascesso o peritonite.

Quindi, queste condizioni non sono cancerose, ma in alcuni casi possono evolvere in cancro del colon-retto. Anche alcuni fattori di rischio per il cancro del colon-retto possono causare queste condizioni precancerose.

Qual è la cosa migliore da fare in caso di diverticolite?

In caso di diverticolite del colon, è bene seguire una dieta ricca di fibre e mantenersi ben idratati.

Le fibre ammorbidiscono le feci e aiutano a prevenire la stitichezza. Può anche contribuire a ridurre la pressione sulle pareti del colon. Il risultato è un migliore equilibrio della flora intestinale e un minor numero di attacchi di diverticolite.

In particolare, si raccomanda di sostituire i prodotti raffinati (pane, cereali, pasta e prodotti da forno a base di farina bianca e cereali raffinati) con le loro alternative integrali.

Gli alimenti ricchi di fibre consigliati per la diverticolosi sigmoidea sono:

  • Fagioli e legumi ;
  • Crusca, pane integrale e cereali integrali come la farina d'avena;
  • Amido integrale;
  • Riso integrale e selvaggio;
  • Frutti come mele, banane e pere;
  • Frutta secca, come datteri, prugne e fichi;
  • Verdure come broccoli, cavolini di Bruxelles, carote, mais e zucca;
  • Pasta integrale.

Se la vostra dieta è attualmente povera di fibre, aggiungetene gradualmente. L'obiettivo è evitare dolori addominali e gonfiore. Se avete diverticoli nel colon, la vostra dieta dovrebbe includere 25-30 g di fibre al giorno. Bevete almeno 8 bicchieri di liquidi al giorno e fate attività fisica.

Qual è il trattamento migliore per la diverticolosi?

Il trattamento della diverticolite dipende dalla gravità dei sintomi e dalla presenza o meno di complicazioni.

Per una diverticolite semplice, il trattamento non richiede il ricovero in ospedale. Generalmente comprende :

  • trattamento antibiotico (ciprofloxacina o metronidazolo),
  • una dieta idrica (bere molti liquidi),
  • una dieta priva di residui (alimenti che non lasciano residui nel colon, cioè senza fibre),
  • assumere antidolorifici per alleviare il dolore.
  • Dopo il trattamento, è possibile riprendere una dieta ricca di fibre per prevenire le recidive.

In caso di diverticolite complicata può essere necessario il ricovero in ospedale. Il trattamento comprenderà quindi :

  • terapia antibiotica per via endovenosa,
  • inserimento di un drenaggio per svuotare il pus dall'ascesso, se necessario.
  • Il trattamento chirurgico è spesso raccomandato per le complicazioni e le recidive che sono resistenti al trattamento antibiotico e alle modifiche della dieta.
  Disfunzione erettile, di cosa si tratta?

La diverticolite può scomparire da sola?

Una volta formatosi, un diverticolo non può scomparire da solo. Sembra che la migliore misura preventiva per evitare la diverticolosi del colon sia una dieta equilibrata e ricca di fibre fin dai primi anni di vita. Una dieta di questo tipo comporta molti altri vantaggi per la salute. Bere una quantità adeguata di liquidi e mantenere l'attività fisica può prevenire ulteriori diverticoli e riacutizzazioni. Molte persone affette da diverticolosi del colon possono essere asintomatiche apportando questi cambiamenti allo stile di vita. I trattamenti medici e chirurgici sono disponibili per coloro la cui malattia è persistente e non risponde a questi cambiamenti.

Per prevenire l'infezione da diverticolite o per farla scomparire, si può ricorrere a tisane antisettiche (timo o menta piperita), o a oli essenziali (limone, una goccia su un cucchiaio di miele) mentre si combatte la stitichezza. Infatti, il ristagno di materia favorisce l'erosione e poi l'infiammazione dei diverticoli, facendo da letto all'infezione.

Lo psillio biondo o il glucomannano possono aiutarvi: hanno un leggero effetto lassativo senza essere irritanti. È quindi adatto al trattamento dei diverticoli. Ricco di mucillagini, si trasforma in una sorta di gel nell'intestino; per due terzi è fibra insolubile e per il restante terzo è fibra solubile. Inoltre, sono prebiotici: contribuiscono alla salute della flora. Si può mescolare in un bicchiere d'acqua o in uno yogurt, una composta o una zuppa, iniziando con circa un cucchiaino al giorno. A seconda dei risultati, si possono aumentare gradualmente le dosi fino a 2 cucchiai al giorno.

Come si manifesta una diverticolite?

Talvolta definita appendicite sinistra, i sintomi più comuni della diverticolite sono, nel 90% dei casi, dolore nella parte inferiore sinistra dell'addome, febbre in 1 paziente su 2, costipazione e talvolta un aumento dei globuli bianchi. Nei casi più gravi, può formarsi un ascesso nella parete dell'intestino crasso o addirittura una perforazione. Talvolta si osserva un'emorragia nella cavità addominale.

Quindi, un forte dolore all'inguine sinistro (fossa iliaca) associato a febbre e movimenti intestinali sono spesso segni di diverticolite acuta. Questa infiammazione o infezione di un diverticolo (una crescita lungo la parete esterna del colon) è dolorosa e causa febbre. I sintomi sono simili a quelli dell'appendicite, ma invece di essere sul lato destro, sono sul lato sinistro!

Cosa scatena la diverticolite?

Si ritiene che la maggior parte dei diverticoli sia causata da spasmi muscolari impercettibili o da una mancanza di sincronizzazione muscolare (coppie di muscoli che non si contraggono in sincronia). Ciò crea una breve ma forte pressione sulla mucosa intestinale, che si esercita sui punti più deboli della parete intestinale, portando alla formazione dei diverticoli. I punti deboli si trovano nelle aree circostanti i vasi sanguigni che attraversano la parete interna dell'intestino crasso (detto anche colon). Nelle persone anziane, il rivestimento dell'intestino è più fragile; questo è probabilmente il motivo per cui hanno più diverticoli.

I fattori che possono aumentare il rischio di sviluppare un diverticolo sono una dieta povera di fibre e la mancanza di esercizio fisico. Anche il sovrappeso e il fumo possono contribuire alla diverticolite.

Quindi, oltre all'età, i fattori di rischio per la diverticolosi sono:

  • una dieta povera di fibre, soprattutto di quelle cosiddette "solubili", come quelle presenti nei cereali integrali;
  • una dieta troppo ricca di alimenti zuccherati;
  • la mancanza di attività fisica regolare.

Lo sviluppo della diverticolosi è più frequente nelle persone che soffrono di stitichezza cronica, poiché è dovuto agli stessi fattori di rischio.

Quali sono i segnali di allarme della diverticolite?

Mal di stomaco, flatulenza addominale e costipazione possono essere segnali di allarme di diverticolite. Una complicazione si ha quando i resti di cibo rimangono bloccati in un diverticolo e causano un'infiammazione. Questo fenomeno è accompagnato da febbre, forte dolore sul lato sinistro dell'addome e persino sangue nelle feci. La diagnosi di un diverticolo infiammato può essere fatta solo con una TAC. Deve essere eseguita al momento della crisi per determinare il trattamento.

La diverticolite provoca segni clinici angoscianti che spesso portano alla consultazione:

  • dolore intenso (talvolta di intensità progressiva) nella parte inferiore sinistra dell'addome: spesso si parla di "appendicite sinistra";
  • tenerezza dell'addome alla palpazione
  • febbre;
  • costipazione (più raramente diarrea)
  • gonfiore ;
  • nausea e vomito;
  • perdita di appetito, perdita di peso.
  Dolore cronico rimedi naturali

Quanto durano le riacutizzazioni della diverticolite?

La diverticolite è un'infiammazione acuta dei diverticoli, di intensità variabile. Come condizione acuta, tende a risolversi in media in 10 giorni, richiedendo spesso una copertura antibiotica e un'osservazione per monitorarne l'evoluzione, poiché talvolta richiede un intervento chirurgico.

Fortunatamente, la maggior parte degli episodi di diverticolite acuta sono generalmente lievi o moderati, durano non più di 10-14 giorni e richiedono un trattamento antibiotico. Tuttavia, alcuni episodi possono essere più gravi e richiedere il ricovero in ospedale e persino un intervento chirurgico.

La diverticolite acuta, trattata con antibiotici, risponde entro 12-15 giorni. Tuttavia, va ricordato che esistono almeno altre due entità (colite segmentaria associata a diverticoli e malattia diverticolare sintomatica non infiammatoria) che possono essere sequele della diverticolite acuta o talvolta si presentano come entità indipendenti e sono causa di dolore addominale e alterazioni del ritmo intestinale.

Quali sono le cause della diverticolosi del colon?

I diverticoli si formano quando le aree deboli della parete del colon si allungano sotto pressione. Se la pressione provoca una piccola lesione nella parete del diverticolo, può verificarsi un'infezione. Questa può essere causata da:

  • uno stile di vita sedentario;
  • mancanza di attività fisica;
  • una dieta con una quantità insufficiente di fibre alimentari.

In realtà, la causa della diverticolosi e della diverticolite non è nota con precisione, ma è più comune nelle persone che seguono una dieta povera di fibre. Si ritiene che l'assunzione di una dieta povera di fibre per diversi anni crei un aumento della pressione nel colon e la formazione di sacche o diverticoli.

Come ci si sente quando si ha la diverticolosi?

Le persone affette da diverticolosi spesso non presentano sintomi, ma alcune persone sentono:

  • di solito un dolore improvviso e piuttosto forte al basso ventre sul lato sinistro;
  • talvolta dolore di intensità moderata, variabile e in graduale aumento per diversi giorni;
  • tenerezza nell'addome
  • febbre;
  • nausea ;
  • costipazione;
  • diarrea.
  • Sintomi meno comuni
  • vomito ;
  • gonfiore;
  • drenaggio di sangue dal retto;
  • Bisogno frequente di urinare;
  • dolore o difficoltà ad urinare;
  • tensione all'addome quando si indossa una cintura o ci si piega in avanti.

Fonti

  1. Carabotti M., Annibale B., Severi C e Lahner E., Ruolo delle fibre nella malattia diverticolare sintomatica non complicata: A Systematic Review, Nutrients, MDPI | Visualizza su: Sito dell'editore
  2. Bharucha AE, Parthasarathy G, Ditah I, et al, Tendenze temporali nell'incidenza e nella storia naturale della diverticolite: Uno studio basato sulla popolazione. Am J Gastroenterol | Visualizza su: Sito dell'editore
  3. Francis NK, Sylla P, Abou-Khalil M, et al: Conferenza di consenso EAES e SAGES 2018 sulla gestione della diverticolite acuta: Raccomandazioni basate sull'evidenza per la pratica clinica. Visualizza su: Sito dell'editore
  4. Sallinen V, Mali J, Leppäniemi A, Mentula P, Valutazione del rischio di diverticolite ricorrente: Una proposta di punteggio di rischio per le recidive complicate. Medicina (Baltimora) 94 (8) Visualizza su: Sito dell'editore
  5. Giacosa A., Riva A., Petrangolini G. et al, Gestione della malattia diverticolare sintomatica non complicata: una formulazione alimentare innovativa di estratti di Curcuma longa e Boswellia serrata, National Center for Biotechnology Information, NIH, PubMed Central Visualizza su: Sito dell'editore
  6. Shahedi K, Fuller G, Bolus R, et al, Rischio a lungo termine di diverticolite acuta tra i pazienti con diverticolosi accidentale riscontrata durante la colonscopia. Clin Gastroenterol Hepatol 11(12):1609-1613, 2013. doi: 10.1016/j.cgh.2013.06.020 Visualizza su: Sito dell'editore
  7. Williams M., Diverticolosi e malattia diverticolare, Life Extension, La scienza di una vita più sana Visualizza su: Sito dell'editore
Clicca per valutare questo post!
[Totale: Media: ]
Saremo felici di leggere i vostri pensieri

      Lascia una risposta

      24go.me
      Logo
      Confronta gli articoli
      • Totale (0)
      Confronto