Come recuperare la libido?

Cosa fare quando non si ha più voglia di fare l'amore, quando non c'è più il desiderio? Cosa fare quando la libido è ferma? Cucina, terapia di coppia, segreti di seduzione... Quali sono i "piccoli modi" per riaccendere la fiamma?

Perdita del desiderio sessuale

Quando si verifica una perdita di desiderio sessuale, si parla di anafrodisia, cioè di mancanza di desiderio. Le donne sono più colpite degli uomini.

Il termine libido deriva dal latino e significa desiderio. Un termine che deriva dalla psicoanalisi freudiana e designa l'energia sessuale che genera la pulsione. In concreto, per tornare a un livello puramente biologico, la nostra libido dipende dalla secrezione di ormoni sessuali. Testosterone, estrogeni e progesterone iniziano a "ribollire" nell'adolescenza, innescando la comparsa dei caratteri sessuali secondari.

Il nostro cervello è direttamente collegato agli organi sessuali attraverso vari messaggi ormonali, che influenzano in parte il nostro comportamento sessuale. In entrambi i sessi, l'elemento centrale del meccanismo del desiderio è il testosterone. Si tratta dell'ormone sessuale maschile, ma esiste anche nelle donne. Viene prodotto dai testicoli, dalle ovaie e dalle ghiandole surrenali.

Nelle donne sono coinvolti altri ormoni. Gli estrogeni vengono prodotti all'inizio del ciclo e raggiungono il loro picco poco prima dell'ovulazione, quando la libido aumenta. In seguito viene rilasciato il progesterone che, essendo un ormone che favorisce la gravidanza, fa calare leggermente la libido. Anche un altro ormone, la prolattina, svolge un ruolo importante nell'appetito sessuale: più è alta, meno si ha voglia di coccole. Ciò non sorprende, dato che si tratta di un ormone che stimola la produzione di latte nella ghiandola mammaria. La sua secrezione aumenta per dare il via all'allattamento.

Ma la libido non dipende solo da fattori ormonali. Anche i fattori psicologici e ambientali svolgono un ruolo importante. Il calo della libido può essere causato da difficoltà nella coppia, da problemi personali (ad esempio, ansia grave, depressione), ma anche da farmaci che possono causare un calo della libido come effetto collaterale. Un sessuologo può aiutare a trovare la causa, o anche le cause, poiché non è raro che diverse cause siano correlate tra loro. Adatterà il trattamento di conseguenza.

  Andropausa: Che cos'è?

Inoltre, piccoli mezzi possono stimolare la fiamma.

Piante che possono aiutarvi con la perdita di desiderio sessuale

Maca peruviana

Quando si parla di aumento della libido, è impossibile non citare la Maca peruviana, nota anche come "ginseng peruviano". Questa piccola meraviglia cresce sulle Ande. Il suo sapore, simile a quello delle nocciole, è molto gradevole. La popolazione locale la consuma. Ma la medicina tradizionale utilizza questa pianta anche per beneficiare delle sue proprietà afrodisiache.

La Maca peruviana ha infatti il potere di stimolare l'attività di uomini e donne. Agisce sul vigore e sugli organi sessuali. Aumenta persino la quantità di sperma. In questo modo, risolve i problemi di infertilità negli uomini (lo stesso vale per le donne). Tutto ciò è possibile grazie ai composti attivi di questa pianta e al suo effetto tonico su tutte le funzioni dell'organismo. Secondo gli scienziati, la Maca peruviana ha componenti con un'azione molto simile al testosterone.

Ginseng

Dopo aver parlato del "Ginseng peruviano", dobbiamo ora parlarvi del Ginseng coreano. Per secoli, le sue radici sono state utilizzate nella medicina tradizionale cinese per trattare l'impotenza sessuale e la disfunzione erettile. Su di esso sono state condotte ricerche scientifiche. Ciò ha portato alla conclusione che il ginseng è davvero un potente rimedio per la disfunzione erettile. Si dice che favorisca la mobilità e la produzione di spermatozoi.

Il ginseng combatte anche lo stress e migliora l'umore aumentando la trasmissione dei neurotrasmettitori. In altre parole, aiuta a gestire lo stress e ha un effetto positivo su di voi. La perdita di desiderio è talvolta causata da un problema di stress. Una cura a base di ginseng vi permetterà di provare una sensazione di benessere, che è un prerequisito per una migliore relazione sessuale. La maggior parte delle persone che si sono sottoposte a una cura al ginseng riferisce di una vita sessuale più equilibrata e soddisfacente.

  Perché e come aumentare la secrezione di testosterone in modo naturale?

Zenzero

Lo zenzero è una pianta perenne originaria dell'Asia. Ampiamente utilizzato come spezia in cucina, è anche usato come afrodisiaco. Si dice che abbia il potere di stimolare l'appetito sessuale di uomini e donne. Infatti, contiene una sostanza chiamata "gingerolo". Si dice che quest'ultimo aiuti a facilitare il flusso del sangue. Si dice che abbia un effetto vasodilatatore. Di conseguenza, lo zenzero favorisce una buona erezione e aumenta la capacità di avere un orgasmo. Inoltre, aumenta la temperatura corporea.

Gli studi su questa pianta hanno anche rivelato che i suoi estratti aumentano la produzione di testosterone. Inoltre, poiché contiene antiossidanti, migliora le funzioni cerebrali e aiuta a sentirsi meglio nel proprio corpo. Per consumarlo come afrodisiaco, è necessario assumerlo in tutte le sue forme. È possibile preparare un infuso di zenzero. Lo si può trovare anche sotto forma di integratori naturali nei negozi specializzati. Un'altra opzione è quella di mangiarlo in un piatto o di farne un succo. Per potenziare gli effetti dello zenzero, si consiglia di combinarlo con il ginseng.

Troverete queste 3 piante (e molto altro!!) in TestoUltra. Provatelo acquistandolo direttamente dalla pagina del produttore.

Comprare TestoUltra

Saremo felici di leggere i vostri pensieri

      Lascia una risposta

      24go.me
      Logo
      Confronta gli articoli
      • Totale (0)
      Confronto