Rimedi casalinghi per l'ansia?

rimedi casalinghi per l'ansia

Curcumina

Il potere medicinale e antico della prestigiosa radice di curcuma è innegabile, è semplicemente una delle erbe medicinali più benefiche del nostro tempo. Recentemente, diversi studi scientifici hanno confermato i benefici della radice di curcuma come trattamento naturale contro l'ansia, la depressione e lo stress. In effetti, la curcumina è ampiamente utilizzata dalle persone affette da depressione stagionale o emotiva per ridurre i livelli di stress; si dice che stimoli il sistema nervoso centrale aumentando i livelli di serotonina.

Polvere di curcuma, Capsule di curcuma

FYRON G1
CURCUMIN Gocce

✓ Boswellia

La medicina tradizionale ayurvedica suggerisce che la Boswellia può essere utilizzata a scopo terapeutico per prevenire l'ansia e lo stress. Infatti, l'estratto di Boswellia è noto per avere effetti rilassanti e calmanti sul cervello, aiutando a bilanciare gli ormoni dello stress (cortisolo).

Estratto di boswellia

FYRON G2
BOSWELLIA-Gocce

✓ MultiVitamine

Si dice che le multivitamine contribuiscano a una buona salute mentale perché aiuterebbero a produrre serotonina e melatonina, gli ormoni antistress. La mancanza di alcune vitamine, come le vitamine del gruppo B o il magnesio, porta a una fragilità emotiva, poiché sono note per ridurre l'ansia e la stanchezza.

✓ Ashwagandha

L'Ashwagandha, o Withania somnifera, fa parte di un gruppo di erbe chiamate "adattogeni". Gli adattogeni agiscono sui sistemi e sugli ormoni del corpo che regolano la risposta allo stress di una persona. L'ashwagandha ha una lunga storia di utilizzo nella medicina tradizionale indiana, o ayurvedica, ed è stata studiata la sua efficacia per lo stress e l'ansia. È stato dimostrato che chi assume ashwagandha presenta una minore quantità di cortisolo, l'ormone dello stress, rispetto a chi non lo assume. Inoltre, la qualità del sonno è migliore.

✓ Valeriana

La valeriana è una pianta originaria dell'Europa e dell'Asia. Il suo nome scientifico è Valeriana officinalis. Da molti secoli si usa la sua radice per trattare problemi di sonno, ansia e depressione. La radice di valeriana è disponibile nelle seguenti forme: tè, compresse, polvere o tintura.

Kava Kava

Il Piper methysticum, o Kava, è un arbusto originario delle isole dell'Oceano Pacifico. Le popolazioni di queste isole e di altre parti del mondo usano la kava come bevanda cerimoniale per alleviare lo stress e modificare l'umore. I bevitori di kava hanno mostrato una significativa riduzione dell'ansia rispetto ai non bevitori di kava.

✓ Passiflora

La passiflora, in particolare la Passiflora incarnata, è una pianta che possiede proprietà molto utili e che può essere efficace nel trattamento dell'irrequietezza, del nervosismo e dell'ansia. Questo fiore era tradizionalmente utilizzato in America e in Europa (e lo è tuttora!) per alleviare l'ansia, per aiutare a dormire meglio e per ridurre i disturbi derivanti dal sistema nervoso.

Olio di lavanda

L'olio essenziale di lavanda è stato a lungo utilizzato per alleviare l'ansia e calmare i nervi. Quest'olio contiene sostanze chimiche chiamate terpeni che possono avere un effetto calmante sui recettori chimici del cervello. Ecco perché l'olio essenziale di lavanda può essere un efficace trattamento a breve termine per i disturbi d'ansia.

rimedi casalinghi per l'ansia   olio essenziale di lavanda

Rimedi casalinghi per l'ansia

Quando un individuo si trova di fronte a fattori scatenanti potenzialmente dannosi o preoccupanti, i sentimenti di ansia non sono solo normali, ma necessari per la sopravvivenza.

Fin dai primordi dell'umanità, la vicinanza di predatori e di un pericolo imminente fa scattare degli allarmi nell'organismo e consente un'azione evasiva. Questi allarmi si manifestano sotto forma di frequenza cardiaca elevata, sudorazione e maggiore sensibilità all'ambiente.[1]

Il pericolo scatena una scarica di adrenalina, un ormone e un messaggero chimico nel cervello, che a sua volta scatena reazioni di ansia in un processo chiamato risposta "lotta o fuga". Ciò prepara gli esseri umani ad affrontare fisicamente o a fuggire da qualsiasi potenziale minaccia alla loro sicurezza.

Per molte persone, la fuga da animali più grandi e da un pericolo imminente è una preoccupazione meno pressante di quanto lo fosse per i primi esseri umani. L'ansia oggi ruota intorno al lavoro, al denaro, alla vita familiare, alla salute e ad altre questioni cruciali che richiedono l'attenzione di una persona senza necessariamente richiedere la reazione di lotta o fuga.

Il nervosismo prima di un evento importante della vita o durante una situazione difficile è un'eco naturale della reazione originale di lotta o fuga. Può essere ancora essenziale per la sopravvivenza, ad esempio l'ansia di essere investiti da un'auto mentre si attraversa la strada induce una persona a guardare istintivamente in entrambe le direzioni per evitare il pericolo.

L'ansia è una sensazione di paura, timore e disagio. Può provocare sudorazione, irrequietezza, tensione e palpitazioni. Può essere una reazione normale allo stress.[2] Per esempio, ci si può sentire in ansia quando si affronta un problema difficile al lavoro, prima di sostenere un esame o prima di prendere una decisione importante. Sebbene l'ansia possa aiutare ad affrontare una situazione, oltre a dare una sferzata di energia o aiutare a concentrarsi, per le persone affette da disturbi d'ansia la paura non è temporanea e può essere opprimente.[3]

  Rimedi casalinghi per le emorroidi?

L'ansia occasionale è una parte normale della vita. Tuttavia, le persone affette da disturbi d'ansia hanno spesso preoccupazioni e paure intense, eccessive e persistenti per le situazioni quotidiane. I disturbi d'ansia spesso comportano episodi ripetuti di sensazioni improvvise di ansia intensa e paura o terrore che raggiungono il culmine in pochi minuti (attacchi di panico).[4]

Queste sensazioni di ansia e panico sono difficili da controllare, sono sproporzionate rispetto al pericolo reale e possono durare a lungo. Per evitare queste sensazioni, può capitare di evitare determinati luoghi o situazioni. I sintomi possono iniziare nell'infanzia o nell'adolescenza e continuare in età adulta.[5]

Alcuni esempi di disturbo d'ansia sono: il disturbo d'ansia generalizzato, il disturbo d'ansia sociale (fobia sociale), il disturbo di panico, ..... È possibile soffrire di più di un disturbo d'ansia. A volte l'ansia deriva da una malattia che richiede un trattamento.

Il disturbo d'ansia è una condizione in cui l'ansia non scompare e può peggiorare nel tempo. I sintomi dei disturbi d'ansia possono interferire con le attività quotidiane, come il rendimento al lavoro, a scuola e nelle relazioni. I disturbi d'ansia sono spesso accompagnati da altre condizioni come depressione, disturbi alimentari o abuso di sostanze.[6]

La causa dell'ansia non è nota. Fattori come la genetica, la biologia e la chimica del cervello, lo stress e l'ambiente circostante possono giocare un ruolo importante.[7]

Qual è la cosa migliore per l'ansia?

L'ansia può essere alleviata quando inizia a diventare troppo importante nella nostra vita. Possiamo allora cercare di mettere in atto alcuni riflessi che ci aiutino a gestirla meglio e ad abbassare il livello di stress man mano, per ritrovare gradualmente calma e serenità.

Innanzitutto, bisogna accettare la propria situazione! Più soffriamo, più tendiamo a sentirci in colpa per il disagio che proviamo. Questo crea un circolo vizioso: ci sentiamo in colpa, il che alimenta lo stress e lo sviluppo o il rafforzamento dell'ansia. Accettare che stiamo soffrendo è il primo passo per comprendere la nostra situazione e sviluppare abitudini più positive.

Ma è anche importante accogliere le proprie emozioni. Fin dall'infanzia abbiamo imparato a nascondere le nostre emozioni, soprattutto quelle negative come la rabbia, la paura o la tristezza. Queste emozioni fanno parte di noi e devono essere sentite e accolte pienamente per poter essere liberate. Quindi non sentitevi in colpa se avete bisogno di sfogarvi, vi aiuterà a sentirvi meglio e a lasciarvi andare!

Quali sono i 5 sintomi dell'ansia?

L'ansia si manifesta come una sensazione diffusa di preoccupazione che ha un impatto negativo sulla vita quotidiana. La persona ansiosa è stanca, irritabile, ha difficoltà a concentrarsi e si sente incapace di controllare le situazioni che si presentano. Ecco i 5 sintomi principali:

  • Intorpidimento, formicolio, sudorazione e tremori;
  • Aumento della frequenza cardiaca e respirazione rapida;
  • Difficoltà a concentrarsi o a pensare a qualcosa di diverso dalla preoccupazione attuale;
  • Senso di pericolo imminente, panico, sventura e paura di morire;
  • Disturbi del sonno.

Qual è la causa principale dell'ansia?

Sebbene i ricercatori non sappiano esattamente quali siano le cause dei disturbi d'ansia, sanno che sono diversi i fattori in gioco. Un disturbo d'ansia, come altri problemi di salute mentale, deriva da fattori biologici e psicologici combinati con altri fattori personali.

Il modo in cui pensiamo e agiamo di fronte a certe situazioni può giocare un ruolo nello sviluppo dell'ansia. Alcune persone possono percepire le situazioni come più pericolose di quanto non siano in realtà (ad esempio, la paura di volare). Altri possono aver avuto una brutta esperienza e temere che si ripeta (ad esempio, il morso di un cane). Gli psicologi ritengono che anche le esperienze infantili possano avere un ruolo nello sviluppo dell'ansia.

I ricercatori hanno scoperto che alcuni squilibri nella chimica del cervello possono contribuire allo sviluppo dei disturbi d'ansia. Tra i neurotrasmettitori (messaggeri chimici) del cervello che svolgono un ruolo nell'ansia vi sono la serotonina, la noradrenalina e l'acido gamma-aminobutirrico. Gli scienziati hanno anche notato che l'ansia è accompagnata da cambiamenti nell'attività di alcune regioni cerebrali. Molti disturbi d'ansia si manifestano in famiglia ed è probabile che abbiano una causa genetica.

Talvolta i sintomi dell'ansia sono causati da alcune condizioni come l'anemia e i disturbi della tiroide. Anche altri fattori come la caffeina, l'alcol e alcuni farmaci possono scatenare i sintomi dell'ansia.

I disturbi d'ansia sono talvolta scatenati da eventi traumatici, come la morte di una persona cara, la guerra e disastri naturali come uragani o terremoti.

Qual è il modo migliore per affrontare l'ansia?

Esistono molti farmaci e rimedi naturali per l'ansia. Tuttavia, la soluzione definitiva all'ansia risiede nella capacità di gestire lo stress in modo che non domini completamente la vostra vita nelle situazioni difficili. È essenziale prendersi ogni giorno del tempo per rilassarsi, anche quando si ha un'agenda frenetica. È inoltre consigliabile fare regolarmente esercizio fisico per dissipare l'energia dell'ansia, in quanto l'esercizio ci condiziona fisicamente e mentalmente per gestire meglio lo stress.

Ma la cosa più importante è usare la mindfulness per connettersi al momento presente. La mindfulness è l'antidoto perfetto all'ansia. Quando si è ansiosi, il primo passo dovrebbe essere quello di fermarsi, rallentare, respirare profondamente e connettersi con i cinque sensi nel momento presente.

Ponetevi le domande "Cosa sto sentendo in questo momento?", "Cosa sto vedendo?", "Cosa sto toccando?", "Cosa sto assaggiando?" e "Cosa sto annusando?".

Poi parlate al vostro cervello incartato, che in questo momento ha paura, credendo al fantasma della paura, e dite ad alta voce: "Sono qui, e in questo momento, in questo momento, sono al sicuro, sto bene, tutto va bene, non c'è nulla di cui preoccuparsi". È come schierare un esercito di aerei Canadair per spegnere il fuoco dell'ansia che sta devastando la vostra privacy.

La maggior parte dei vostri momenti sono buoni se riuscite a connettervi con essi. Se non ci riuscite, perché la vostra testa è piena di preoccupazioni e fantasie e paure per il futuro, allora quei momenti perfetti non esistono. Più imparate a connettervi al presente, meno sarete ansiosi.

Il semplice fatto di sedersi in silenzio per 5 minuti al giorno, permettendo a se stessi di connettersi al presente, può ridurre significativamente l'ansia.

Che cosa si prova quando si prova ansia?

L'ansia è un'emozione spiacevole che può essere descritta come una combinazione di sintomi fisici (come battito cardiaco accelerato, difficoltà respiratorie, sudorazione, tremore, vertigini, tensione corporea,...) e pensieri ansiosi (ossessioni, preoccupazioni, ruminazioni, dubbi, paure,...). I disturbi d'ansia si distinguono in base alla causa scatenante dell'ansia e alla gravità e durata dei sintomi.

  • Le fobie semplici possono essere causate dalla paura dei ragni e dei serpenti.
  • La fobia sociale si manifesta quando l'ansia è scatenata da situazioni sociali che richiedono di socializzare con grandi gruppi, fare presentazioni orali o incontrare nuove persone. La fobia sociale può causare la paura di mangiare o di usare i bagni pubblici.
  • Il disturbo di panico è un'ansia che si manifesta senza una causa scatenante. In pochi minuti, l'intensità dei sintomi può raggiungere un picco. Una persona può credere di avere un attacco di cuore o di svenire. L'episodio si attenua in genere in meno di un'ora e lascia la persona esausta. Questi episodi sono spaventosi e la persona inizia a evitare le situazioni nel tentativo di sfuggirvi. La paura di avere paura è quella che diventa più invalidante.
  • L'ansia è quasi sempre presente nel disturbo d'ansia generalizzato. L'individuo si preoccupa di tutto, compreso il suo futuro, la sua salute e le sue relazioni, nonché le sue finanze e lo stato del mondo. La preoccupazione diventa eccessiva e consuma molto più tempo del necessario, riducendo la capacità della persona di svolgere le attività quotidiane. Sembra che la persona non sia in grado di accettare l'incertezza come parte integrante della propria vita.
  • Il disturbo ossessivo-compulsivo è caratterizzato da un'ansia che non può essere soppressa. Tra queste, la paura di contrarre l'AIDS, il timore di commettere un'azione sbagliata, come rubare o stuprare, o una domanda ricorrente sulla propria identità sessuale. Alcune persone sviluppano rituali o compulsioni che le aiutano a liberarsi dall'ansia. Le compulsioni più comuni includono l'eccessiva pulizia, il lavaggio, il conteggio, il controllo della serratura, della stufa, della finestra e le domande (sono gay?).
  Rimedi casalinghi per le eruzioni cutanee?

Quali sono i 3 segnali d'allarme dell'ansia?

È importante riconoscere i segnali d'allarme dell'ansia per poterla affrontare prima che diventi troppo avanzata. Ecco i 3 principali segnali d'allarme dell'ansia:

  • cambiamenti nell'umore, nei livelli di energia, nel sonno e nell'appetito
  • segni eccessivi di preoccupazione, imbarazzo o nervosismo
  • difficoltà a entrare in contatto con i coetanei.

L'ansia è una malattia mentale?

Ansia e preoccupazione fanno parte della vita. Che la posta in gioco sia una promozione professionale o l'esito di un evento sportivo, la maggior parte delle persone prova una certa ansia per il risultato finale. L'ansia è un'emozione comune, che può essere utile se mantenuta con moderazione... Ma l'ansia diventa patologica quando sconvolge la vita del soggetto in modo significativo; in genere, in questo caso, alle paure si associano sintomi somatici: oppressione al petto, palpitazioni, sudorazione, tremori, senso di oppressione alla gola, difficoltà a deglutire...

L'ansia è una sensazione di tensione interiore, di pericolo imminente. Può essere paralizzante o, al contrario, provocare agitazione (con l'incapacità di rimanere sul posto). Può cristallizzarsi su una situazione particolare o su un oggetto specifico: nuova paura di un contesto sociale con incapacità di affrontarlo (cambio di lavoro, per esempio), preoccupazione eccessiva per la propria salute... L'ansia diventa patologica quando sconvolge la vita del soggetto in modo significativo; in genere, in questo caso, alle paure si associano sintomi somatici: oppressione toracica, palpitazioni, sudorazione, tremori, senso di oppressione alla gola, difficoltà di deglutizione...

I disturbi d'ansia sono una malattia psicologica frequente che si esprime in varie forme (ansia generalizzata, fobie, disturbo di panico, ecc.) e disturba notevolmente la vita quotidiana. Molti fattori psicologici, biologici e ambientali possono contribuire alla loro insorgenza.

L'ansia, che si manifesta sotto forma di grande preoccupazione, è un fenomeno perfettamente normale della vita. Quando diventa eccessiva e sfocia in una patologia, si tratta di un disturbo d'ansia, che colpisce il comportamento, i pensieri e le emozioni della persona. Sebbene possano essere invalidanti, secondo l'autore sono abbastanza accessibili dal punto di vista terapeutico. L'autore propone una rassegna di queste condizioni, che comprendono un gran numero di stati apparentemente molto diversi tra loro.

Qual è la paura più comune?

Secondo i sondaggi, la fobia sociale è in cima alla lista. Chiamato anche "ansia sociale", questo disturbo è caratterizzato da un'intensa paura di affrontare situazioni di interazione sociale. L'individuo è particolarmente ansioso all'idea di parlare in pubblico.

Qui molti altri:

  • Acrofobia: paura dell'altezza;
  • Aerofobia: paura di volare;
  • Aracnofobia: paura dei ragni;
  • Astrafobia: paura dei fulmini e dei temporali;
  • Autofobia: paura di rimanere soli;
  • Claustrofobia: paura degli spazi ristretti;
  • Ematofobia: paura del sangue;
  • Acquafobia: paura dell'acqua e dell'annegamento;
  • Ofiofobia: paura dei serpenti;
  • Zoofobia: paura degli animali.
  Rimedi casalinghi per la gotta?

Fonti

Raccontare l'ansia

Raccontare l'ansia

Università di Toronto Romance. 2023 anteprima gbs

In Raccontare l'ansia, Jennifer Willging esamina le manifestazioni di tali ansie nelle narrazioni selezionate di quattro donne che scrivono in francese.

Ansia e depressione

Ansia e depressione

anteprima gbs

Fornendo una soluzione organizzata passo dopo passo per coloro che devono affrontare questi problemi debilitanti, questo libro insegna ai lettori come identificare i fattori che possono accumularsi fino a causare ansia e depressione. Con suggerimenti specifici sulla dieta, la respirazione, il rilassamento, il biofeedback e l'esercizio fisico, il programma aiuta chi soffre di ansia e depressione a prevenire il disagio e le recidive.

Disturbo d'ansia

Disturbo d'ansia

anteprima gbs

L'ansia occasionale è una parte normale della vita. Ma i disturbi d'ansia comportano più di una preoccupazione o di una paura temporanea. Per una persona affetta da disturbo d'ansia, l'ansia non scompare e può peggiorare nel tempo. Solo per oggi, questo bestseller è disponibile a un prezzo speciale. Sentirsi nervosi di tanto in tanto è un aspetto tipico della vita. Può persino essere utile quando mette in guardia da una minaccia. L'ansia si trasforma in un disturbo quando si presenta il più spesso possibile, ha una sensazione eccezionale, si protrae per ore o addirittura per giorni e...

Disturbi d'ansia

Disturbi d'ansia

Springer Science & Business Media. 2002 anteprima gbs

In questo libro vengono esaminati criticamente gli aspetti normali e patologici dell'ansia. È incluso un capitolo sulle basi molecolari dell'ansia, che illustra il potenziale di questo approccio nella scoperta di nuovi interventi farmacologici efficaci. Vengono discusse la validità, la prevedibilità e l'utilità dei modelli animali nella progettazione di nuovi prodotti efficaci. Capitoli separati sono dedicati a ciascun tipo particolare di ansia, come l'ansia generalizzata...

  1. Ortolani P. (1998) - Psicoanalisi, ansia e disturbi d'ansia, Current Neuropharmacology, Godwin Roplica Books, [online] 18(2), pp.350-361. doi:12.1014/j.ctam.2012.06.002.
  2. Isseger F. (2002) - Trattamento dei disturbi dell'umore e dei disturbi d'ansia, Journal of Psychopharmacology, vol. 15, n. 2, pp. 141-151, [online] 15(4), pp.279-301. doi:11.1015/j.psy.2002.02.007.
  3. "Ansia: Cosa c'è da sapere. - Eventi infantili negativi e anamnesi familiare possono aumentare il rischio", NIH MedlinePlus Magazine | Visualizza su: Sito dell'editore
  4. Alexander T (2018) - Processi cognitivi, ansia e trattamento dei disturbi d'ansia: : A Preliminary Report, The Journal of Alternative and Complementary Medicine, [online] 22(6), pp.438-459. doi:12.1079/acm.2018.0324.
  5. Gotenermen D. & Crispa P. (2021) - Depression and Anxiety Issue Information, An Update on Safety and Side Effects of drugs: A Review of Clinical Data and Relevant Animal Studies, [online] 17(5), pp.1370-1397.e7. doi:10.1016/j.cgh.2021.06.047.
  6. Jose U. & Swedo P. (2005) - The Role of Cognitive and Somatic Cues in Anxiety and Anxiety Disorders, Gartner - Little Green House, Acta Neuropsychiatrica, [online] 24(3), pp.206-267. doi:9.1014/neu.2013.9.
  7. Gifland O. (2017) - Anxiety sensitivity and the anxiety disorders, Rachman - Routledge, Experimental and Clinical Psychopharmacology, [online] 22(2), pp.243-311. doi:12.1047/pha000275.

 

Clicca per valutare questo post!
[Totale: 45 Media: 4.6]
Saremo felici di leggere i vostri pensieri

      Lascia una risposta

      24go.me
      Logo
      Confronta gli articoli
      • Totale (0)
      Confronto